|  | 

SEO - Posizionamento

Cosa cambia nella SEO dopo Google Caffeine?

img-responsive

Google ha aggiornato il suo algoritmo da un bel pò introducendo Caffeine come nuovo sistema di indicizzazione. Se ne parlava ormai da mesi e le anomalie dell’ultimo periodo (Google Mayday, stranezze nel Webmaster Tool ecc.) facevano presagire che qualcosa stesse cambiando nel motore di ricerca. Infatti il 6 Giugno BigG ha sciolto ogni dubbio con la pubblicazione di:”Our New Search Index: Caffeine”

Magari per qualcuno può sembrare una modifica di poco conto ma in realtà può essere l’inizio di una nuova era per la Seo.

Caffeine nasce con l’obiettivo di svecchiare il modo in cui Google ordina i contenuti e di restituire agli utenti risultati più “freschi”:

«Il nostro vecchio indice era composto da diversi strati, alcuni dei quali venivano aggiornati con maggior frequenza rispetto ad altri; lo strato maggiore era aggiornato ogni due settimane. Per aggiornare uno strato del vecchio indice, dovevamo analizzare l’intero Web, questo portava ad un significativo ritardo tra il ritrovamento di una pagina ed il momento in cui questa veniva messa a disposizione dell’utente. Con Caffeine analizziamo il Web frammentandolo in piccole porzioni e aggiorniamo il nostro indice in modo continuo, globalmente. Appena troviamo una nuova pagina o nuove informazioni su una pagina esistente, le aggiungiamo all’indice».

Dal lato utente, ciò si traduce in contenuti 2.0, ovvero pertinenti e in tempo reale composti da notizie su blog, cinguetti su twitter, commenti su Facebook, immagini, video, ecc. Questo non significa che i contenuti di pagine Web statiche e di vecchia data verranno dimenticati, ma credo che chi vorrà mantenere una posizione di rispetto nella Serp farà meglio a produrre con più frequenza nuovi contenuti, anche su argomenti di long tail.

Il primo a porre la propria attenzione sui contenuti WEB 2.0 è stato Bing e probabilmente proprio l’avvento del motore di ricerca “decisionale” di casa Microsoft ha costretto Google a risvegliarsi e offrire nuove opzioni per continuare ad essere il numero 1 delle Search.

Dalle mie parti l’invito a prendere una tazza di “caffè” è sempre ben gradito. Google una tazza di “caffeine” non la nega a nessuno e sicuramente sarà di gradimento sia per gli utenti, che si troveranno contenuti freschi e rilevanti, che per chi li pubblica, perchè li vedrà nella SERP pochi secondi dopo averli messi online.

cosa-cambia-nella-seo-dopo-google-caffeine

ABOUT THE AUTHOR

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website